/* -->

martedì 12 gennaio 2016

Review: Io prima di te


Carissimi amanti dei libri,
come state? Io potrei stare meglio se solo non fossimo in inverno. Cavolo quanto non mi piace il freddo!! Tuttavia, ogni stagione è importante, ed è giusto che anche questa faccia il suo ciclo.
Bene, oggi vi recensirò un libro sicuramente molto conosciuto e altrettanto apprezzato. Ho cominciato a leggerlo perché a dicembre scorso ho partecipato a un gruppo di lettura sul blog divoratoridilibriIl gruppo era ovviamente organizzato in tappe ma il libro era talmente bello che l’ho finito in pochissimi giorni. Se l’avete letto sapete di cosa sto parlando, vero? Bè, fatemi sapere.


Dettagli
Titolo: Io prima di te
Autore: Jojo Moyes
Editore: Mondadori (2013)
Pagine: 391
Classificazione: Romanzo, Letteratura inglese

La Mia Valutazione:



Abstract
Louisa Clark è una giovane donna senza nessuna ambizione di vita. Ha un fidanzato definito “storico” e un lavoro come cameriera in un bar della sua cittadina, dalla quale non si è mai allontanata. Rimanendo disoccupata, però, Louisa comprende di non aver molte possibilità di lavoro a causa delle sue scarse esperienze. Anche fare da assistente ad un tetraplegico non crede sia tra le sue corde ma decide comunque di tentare, spronata dall’alta paga in grado di far fronte alle necessità economiche della sua famiglia.
Il lavoro in casa Traynor non è come se lo aspettava. Will è un giovane uomo bloccato permanentemente sulla sedia a rotelle dalla quale tiranneggia e tormenta Louisa, assunta per soli sei mesi. In questo periodo di tempo così limitato la ragazza cercherà in tutti i modi di fargli riscoprire il lato positivo della vita. E poi? Louisa non lo sa ma nei pochi mesi in cui starà vicina a Will le sue poche certezze verranno sconvolte una ad una facendole conoscere la vera felicità.


Recensione
Ho trovato questo libro molto bello. Non so da quanto non mi succedeva di leggere un libro così appassionante e coinvolgente. Mentre lo leggevo ho passato ore totalmente assorta nella storia, invece quando non ero occupata col libro mi ritrovavo a immaginare come sarebbe continuato o cosa avrei fatto io con uno come Will. Vi giuro, un’esperienza bellissima che non mi succedeva da tempo.
Avete già capito che la trama l’ho trovata perfetta. Nonostante ci siano molte storie di questo tipo “in commercio”, questa non risulta affatto poco originale, anzi è ricca di nuovi punti di riflessione su chi siano i tetraplegici, i loro bisogni quotidiani, le persone che devono avere accanto, ecc. La scrittura della Moyes è molto semplice e lineare, i dialoghi brevi e realistici; persone, luoghi e sentimenti sono, però, poco descritti. Mi sono accorta che, almeno per la prima metà del libro, non riuscivo bene a immaginarmi i lineamenti di Louisa e di Will: non riuscivo a capire neanche quanti anni avesse lui; era un uomo di mezza età o più giovane?

L’interrogativo mi è venuto dopo che ho scorto su internet gli attori che interpreteranno i protagonisti nella pellicola in uscita tra poco: udite-udite (per chi ancora non lo sapesse) Emilia Clarke di Game of Thrones e Sam Claflin di Hunger Games 2 e 3. Guardando Sam, che è un quasi 30enne nella vita reale, ho capito di aver preso un bell’abbaglio leggendo il libro oppure l’autrice non si era trattenuta troppo su queste inezie che per me risultano invece di vitale importanza!!! I vari dubbi, di natura puramente descrittiva, vengono comunque fugati col procedere della lettura: quindi non preoccupatevi come ho fatto io!

Un tema importante che fa, in un certo senso, da collante alla storia è quello del suicidio assistito o il diritto a morire. Argomento davvero scottante nel nostro periodo. Favorevoli o contrari? Io favorevole, per il semplice fatto che ognuno DEVE poter decidere per la propria vita. Se mi trovassi in una situazione di malattia terminale vorrei avere la possibilità di scegliere tra più alternative. Sarebbe un'ardua scelta e in questo momento non saprei proprio che fare, ma di una cosa sono certa: voglio poter disporre di me stessa liberamente. 

Il punto un pochino critico per me è stato il finale. Non tanto per come è finito, quanto per la mancata poesia finale. SE NON AVETE LETTO IL LIBRO E NON VOLETE LEGGERE SPOILER PASSATE OLTRE fino all'asterisco*…
-----------------------------------------------------------------------------------------
Louisa si innamora di Will e glielo confessa. Per lei Will è una sorta di principe azzurro in carrozzella, bello, sicuro di sé e esperto conoscitore della vita. Will, in un certo senso, prova qualcosa per lei ma non vuole vivere una vita che non rappresenta la sua vitalità e dinamismo ed è sicuro della scelta di porre fine alla sua vita col suicidio assistito. Fin qui tutto ok. Quello che mi ha fatto rimanere un po’ male, però, sono i sentimenti di Will per Louisa. Lui non si innamora di lei, anzi lui non può accontentarsi di lei, e lo dice apertamente. La sua vita, prima di diventare tetraplegico, era improntata all’avventura, alla ricchezza, alla bellezza…insomma all’avere tutto ciò che un uomo potesse desiderare con uno schioppo di dita. Morale della favola, Louisa non era il tipo di ragazza da far girare la testa al Will su due gambe e non lo è diventata per il Will sulla sedia a rotelle. Quello che ho capito è che non è una storia d’amore anche se fin dall’inizio può sembrarlo; è invece una storia di due persone che tentano di vivere secondo le proprie regole. Due anime agli antipodi che si incontrano per salvare sé stessi dal baratro. Ognuno, però, si salverà secondo il proprio personale modo di vedere la vita. 
---------------------------------------------------------------------------------------

*In conclusione, è un libro che ricorderò per molto tempo, per questo credo proprio che si meriti un voto quasi pieno. Inizialmente avrei dato il massimo ma il finale ha fatto scemare un pochino l'entusiasmo che ho provato durante la lettura. 
Commovente, emozionante, divertente, drammatico, suggestivo,… insomma un libro da leggere assolutamente se volete essere coinvolti in una storia indimenticabile.
A voi è piaciuto? Da come ve l'ho descritto lo leggereste?
Vi abbraccio...









8 commenti:

  1. L'ho letto anche io ed è stato davvero qualcosa di sconvolgente, uno dei libri che definirei unici. Grazie di essere passata da me! Se vuoi, unisciti ai miei lettori, ne sarei felice! <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si davvero bellissimo...e c'è anche il seguito!!!
      Comunque mi unisco sicuramente:):):)

      Elimina
  2. Letto l'estate scorsa e amato moltissimo *__* Non so perché ho aspettato così tanto a leggerlo xD Bella recensione ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie:):) Fra poco uscirà pure il seguito! Chissà!!!

      Elimina
  3. Questo sarà l'anno giusto per questo libro. Lo prometto XD
    Spero che mi piacerà quanto è piaciuto a quasi tutti quelli che lo hanno letto, anche se spesso e volentieri il mio parere è controcorrente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai Murioumu devi leggerlo anche tu!!!! Voglio leggere la tua recensione...secondo me ti piacerà perché è un libro che funziona un po' sotto tutti i punti di vista, però ovviamente ognuno ha i propri gusti. L'importante alla fine è leggere tutto:):):)

      Elimina
  4. Anch'io ho amato tanto questo libro. Adesso spero che il film sia altrettanto bello.
    Ottima e accurata recensione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per il complimento Susy:)
      Sono anche io in attesa del film e, da una parte, so che la storia sarà quella quindi non potrà deludere più di tanto, dall'altra, invece, immagino che alcune cose saranno state cambiate alla Scrivimi Ancora! Di una cosa io però sono sicura: l'attore Sam Claflin^_^

      Elimina

Hai pensieri che ti ronzano in testa? Questo è il posto giusto per scriverli!!!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...