/* -->

venerdì 19 gennaio 2018

Recensione | Non ditelo allo scrittore

Dopo un bel po' di tempo torno con una recensione super entusiasmata per una scrittrice di cui avevo molto sentito parlare, ma che non avevo ancora conosciuto di persona. Alice Basso mi ha stupito davvero in positivo con il suo stile frizzante e ironico, senza essere mai ripetitva o cadere nella più scadente banalità, come avevo constatato in altri romanzi molto commercializzati, ma di pochissimo spessore, come ad esempio Guida astologica per cuori infranti.
Addirittura ho rimandato per parecchio tempo la lettura di Non ditelo allo scrittore, nonostante il titolo mi ispirasse, perchè ero rimasta parecchio scioccata dalle indecenze pubblicate dai grandi editori nell'ultimo periodo. E invece, ho trovato un libro che mi ha tenuto vera compagnia, mi ha intrigato, incuriosito e spinta a smuovere i neuroni per capire cosa sarebbe successo nelle ultime pagine.




Titolo: Non ditelo allo scrittore
Autrice: Alice Basso
Editore: Garzanti
Pubblicato il 18 maggio 2017
Genere: Narrativa contemporanea
Pagine: 316
Letto in formato ebook
Dal 3-01 al 14-01-2018









La prego, prof. inizi a fare lezione. 
Ci porti con sé nel mondo della letteratura, 
perché per oggi della realtà 
ne ho veramente piene le palle.


E alla fine scopro che Vani Sarca, la mitica protagonista dark con un quoziente intellettivo superiore al resto del mondo, è l'eroina di una serie, di cui Non ditelo allo scrittore è l'ultimo volume (per ora)! Ma a dire la verità non mi sono accorta di nulla, infatti la comprensione del romanzo non ha risentito delle mancate letture precedenti, anzi è stata fin da subito chiara e priva di ombre narrative.

Merito sicuramente di una scrittrice davvero particolare, Alice Basso. Questo nome rieccheggiava nella mia WL già da tempo, ma non è che mi chiamasse a gran voce. Eppure già alla prima pagina del libro ho capito di avere davanti una storia e uno stile davvero ben fatti.

Vani è una ghostwriter e una divoratrice di libri professionista. Veste sempre di nero, tanto da meritarsi l'appellativo di pippistrello. Ha poco più di 30 anni, vive da sola, è una cinica DOC, ha sempre la battuta pronta, poche cose sfuggono al suo radar e adora mettersi nei guai. In poche parole, tutti vorremo conoscere una Vani Sarca e avercela sempre a portata di mano, soprattutto per vedere là dove nessuno è in grado di arrivare.

Le sue giornate sono divise tra il lavoro in una casa editrice e le indagini del commissario Berganza, che per intenderci è il protagonista maschile che ha catturato il cuore di migliaia di lettrici (💘). Per aiutarlo, Vani dà il meglio di sè con idee brillanti e colpi di genio da lasciar chiunque a bocca aperta, soprattutto Berganza.

La lettura scorre davvero veloce grazie a uno stile fresco, mai rindondante, ironico, vivace e accattivante. Non scherzo quando dico che già alla fine della prima pagina mi sono detta: ok da qui non mi schiodo più! Le vicende a cui mi sono appassionata maggiormente sono quelle incentrate sulla sua vita, narrate attraverso flashback scolastici e riflessioni personali. Il tutto condito da battute spiritose, ma non eccessive, che rendono Vani un personaggio, se ancora non fosse chiaro, davvero davvero davvero interessante e ben costruito.

Le sue peripezie, poi, sono ambientate a Torino, cioè a uno schioppo di dita da me. E chiunque di voi saprà che leggere una storia ambientata nella propria città, tra le strade che ben si conoscono e nelle quali si è stati fisicamente, è come avere un biglietto vincente alla lotteria di paese. Ci si sente privilegiati!

Inoltre, ad aprile uscirà il 4° capitolo delle avventure di Vani, La scrittrice del mistero, e indovinate chi è già desiderosa di leggerlo? Iooooooooooo, anche perchè c'è una love story che deve continuare, non so se mi spiego!!!! Quindi vi consiglio di cominciare la serie se siete alla ricerca di una che ne valga la pena o di una nuova scrittrice a cui appassionarvi. In giro non ho letto brutte recensioni di questo libro o di Alice Basso in generale, ma sono curiosa... a qualcuno di voi non è piaciuta o non interessa?






sabato 13 gennaio 2018

11 Libri per superare il Blue Mondays, il giorno più "triste" dell'anno secondo alcuni!



I giorni dedicati alle vittime dell'Olocausto, ai caduti nelle guerre del secolo scorso, ai femminicidi e ad altri tipi di mattanze non sono già abbastanza tristi di per sè...noooo, cose superate! Mettiamoci anche il giorno più triste dell'anno, perchè in fondo di depressione non ce n'è mai abbastanza in giro.

Ad inverntare il blue monday è stato uno psicologo inglese, Cliff Arnall, che circa 10 anni fa ha ipotizzato che ogni anno ha un giorno particolarmente "nero" per tutte le persone che vivono a nord dell'equatore. Quindi anche noi!! Si è addirittura servito di un'equazione per dire ciò!

inverno (gennaio) + fine delle feste natalizie + giornate brevi + clima freddo + influenza + pessimismo da rientro = malumore, tristezza, zero voglia di vivere

Secondo me non serviva il brevetto per dire una cosa del genere perchè sta nella logica di caiscuno di noi capire che alcuni giorni sono più malinconici di altri. Per esempio io sono più aggressiva quando piove e moscia quando non c'è il sole! Al contario, nelle giornate soleggiate sprizzo gioia da tutti i pori e ho le forze per fare un sacco di cose diverse! Dico io, non avevi altro da inventare per avere la tua pagina su Wikipedia??
Per chi vuole crogiolarsi nell'autocommiserazione indotta, prego si accomodi, ma per chi ama andare contro corrente può scegliere di passare il 15 gennaio 2018, ovvero il blue monday, con un sorriso e con una lettura super stimolante, per cominciare qualsiasi lunedì dell'anno senza piangersi addosso!! Magari possiamo accompagnare il tutto con un bella cioccolata calda, un tè o un caffè, così possiamo benenficiare anche di un caldo abbraccio dall'interno, che non guasta mai!





BUONA VITA A TUTTI

È un libro che vorrei leggere a breve e che parla in generale della vita, fatta di alti e bassi, fallimenti e successi, che devono insegnare a vivere e mai ad arrendersi. Secondo me merita!






IL GATTO CHE AGGIUSTAVA I CUORI

Una storia sorprendentemente dolce, ristoratrice e incoraggiante grazie alle avventure di un gattino di strada che ha la capacità di riconoscere i desideri degli umani.






MIO FRATELLO RINCORRE I DINOSAURI

Questo libro tratta di un bambino con la sindrome di Down, la cui vita viene raccontata da parte del fratello più grande. Farà sicuramente commuovere e piangere, ma secondo me è un modo per mandare a cagare il blue monday e compagnia bella.



PETER PAN

Anni fa mi faceva tristezza Peter Pan perchè mi sembrava fosse un'allegoria delle persone che hanno paura di invecchiare, imbruttirsi e cose così. Adesso che anche io sono cresciuta e so quanto bello fosse essere bambini, penso sia invece una bella lettura per ritornare a qui momenti spensierati, anche solo con l'immaginazione.





AVRÒ CURA DI TE

L'ho letto già più di un anno fa ma è rimasto indelebile nella mia testa, non tanto per la storia in sè quanto per tutta una serie di frasi e riferimenti di vita, che mi hanno aperto gli occhi su alcune questioni della mia vita in modo molto positivo. Lo consiglio moltissimo.





MISS CHARITY

Un libro "per ragazze" che mi ha fatto sognare, perchè la protagonista, da piccola bambina stramboide diventa una grande scrittrice e illustratrice inglese, grazie al suo entusiasmo e alle sue sole potenzialità, nonostante chi le metteva i bastoni tra le ruote.




MANGIA, PREGA, AMA

Non ho letto il libro, ma ho visto il film, che racconta la ricerca della felicità di una donna in giro per il mondo: l'Italia, nella quale si gode la vita scoprendo nuovi sapori e pietanze, l'India, un luogo di pace per la sua fede spirituale e l'Indonesia dove infine trova l'amore.



UN ALTRO GIRO DI GIOSTRA

Questa è la stori di un giornalista italiano che viaggiò molto nella sua vita e che dopo aver scoperto di essere gravemente malato fa un ultimo viaggio, cioè quello incontro alla morte, in modo però consapevole e sereno, senza le ansie e le preoccupazioni che ha avuto per tutti gli altri.




MATILDE

Questo libro per bambini mi è piaciuto moltissimo perchè, oltre alla bella storia e alla magnifica trasposizione cinematografica, ha uno stile davvero particolare, che pervade il lettore di una dolce e rassicurante sensazione.





L'UOMO CHE SCAMBIÒ SUA MOGLIE PER UN CAPPELLO

Il libro tratta diversi casi di pazienti e malattie che ha incontrato durante il suo lavoro di medico, ma il tutto è raccontato in modo divertente e ironico, per smorzare la paura che tutti abbiamo quando abbiamo qualcosa ce non va e ci buttiamo letteralmente giù.




NON BUTTIAMOCI GIÙ


Cosa succede quando 4 perfetti estranei si incontrano per caso su un tetto proprio la notte che vogliono porre fine alla loro vita? Ovviamente scendono, uniti da una nuova complicità vitale.






Spero siate d'accordo con me su questa giornata. Avete letture da consigliare che siano anti depressive? Immagino di sì avidi lettori come siete, allora consigliate e consigliate. Non si sa mai che sia proprio io a cadere in questa brutta rete del blue monday!!











martedì 9 gennaio 2018

Buoni propositi 2018




Un certo qual tempo fa ho letto una cosa che mi è rimasta talmente impressa nella memoria [cosa al quanto strana per me visto che mi dimentico tutto] da diventare una mia annuale tradizione nell'ormai passato giorno della befana. È in pratica un modo per fare dei buoni propositi per l'anno in corso canalizzando dell'energia positiva per far in modo che si avverino. Il modo per chiedere o far avvevarare i propri desideri dev'essere quello che meglio si addice alla propria natura. Io per esempio scrivo ciò che vorrei su fogliettini di carta che poi brucio alla fiamma di una candela, ripetendoli ad alta voce!! Vabbè piccola nota introduttiva per dire che leggendo vari blog di amiche e colleghe ho trovato tanti bei propositi e traguardi premeditati e mi è venuta proprio voglia di seguirne l'esempio. Solo che c'è un piccolo dettaglio che mi disturba un po': non voglio poi a fine 2018 riprendere in mano questo post e vedere che non ho portato a compimento neanche un buon proposito!!!
Visto che il 2017 è andato come è andato, cioè con poche letture, poco tempo per il blog e per lo scrivere in generale, spero vivamente di cambiare rotta nel 2018!! Che la scrittura sia con me💫


mercoledì 3 gennaio 2018

Recensione | Espiazione



Un mese intero per finire questo romanzo!! Non è brutto eh... anzi ha una bellissima storia, ma l'autore come già mi aveva dimostrato ne La ballata di Adam Henry ha uno stile troppo descrittivo e rindondante, che annoia! E anche stavolta non si è smentito. Ma la storia raccontata, però, credetemi... è davvero da leggere... o se non vi volete sorbire il romanzo potete anche solo guardarla con il film, dove una bella Keira Knightley e un bel James McAvoy sono i protagonisti principali!


domenica 31 dicembre 2017

recensione | Un marito per la mamma



Quando il Natale si avvicina, e poi passa, gli amanti dei libri continuano a fare quello che hanno fatto tutto l'anno, ossia leggere!! Ma in questo particolare periodo si sente anche la necessità di lasciare da parte qualche romanzo "normale" per immergersi nelle belle e allietanti storie natalizie! Ma perchè lo facciamo? Io possono dire la mia perchè ogni anno è sempre la stessa storia. Quando comincia dicembre è come se scattasse l'ora X! Inizio a cercare libri che abbiano nel titolo la parola Natale o Christmas. Nei weekend passati a poltrire sul divano non accetto che in televisione non ci siano film natalizi e quindi giù di streaming!! Christmas Carol l'ho visto in tutte le salse e di libri ne avrò 2 o 3 edizioni diverse. Insomma, ho bisogno di leggere in versione Natale perchè attraverso la lettura o i film, soprattutto quelli tratti dai romanzi, sento più vicino questo periodo e la sua magia, che purtroppo va scemando con l'età.
Quest'anno, nonostante abbia trovato qualcosa che mi ha stuzzicato, un libro di Natale è venuto da me e mi ha rapita con la sua magia!!


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...