/* -->

mercoledì 20 luglio 2016

RECENSIONE | Die Love Rise di Rosa Campanile

Buongiorno e buon mercoledì lettori!
La recensione di oggi riguarda una cara collega Blogger, Rosa di Briciole di Parole. fin dalle prime parole sono rimasta molto stupita di questo libro. Un po' perchè io amo i distopici, e ne ho uno mio nel cassetto, e un po' perchè, leggendolo, mi ha catturata subito! Pensando che questo è il primo romanzo di Rosa, poi, sono rimasta davvero a bocca aperta!! Grazie Rosa per avermi dato la possibilità di leggerlo!! XD


Die Love Rise ♦ di Rosa Campanile ♦ Self-Publishing (Streetlib) ♦ Pubblicato il 15 marzo 2016 ♦ Pagine: 254 ♦ Genere: Romance / Post Apocalittico / Sci-Fi ♦ Formato di lettura: E-book


In un futuro non molto lontano, la popolazione umana è stata decimata dal virus AD7E0-i che ha trasformato gli uomini in mutanti affamati di carne e sangue. Per i pochi fortunati scampati al contagio iniziale, il mondo è diventato un luogo pericoloso in cui sopravvivere a stento.
Lo sa bene Sophie Warden, che negli ultimi due anni ha fatto tutto ciò che era necessario per proteggere se stessa e sua sorella Leery. La voce che a Leons Town ci sia un Centro di Soccorso e Raccolta ancora operativo rappresenta la loro ultima chance di trovare un rifugio sicuro diverso dalla strada. Nonostante le perplessità che si tratti solo di una diceria, Sophie e Leery, in compagnia di un esiguo gruppo di sopravvissuti, raggiungono la struttura. Ma le cose non andranno come pianificate e la minaccia dei mutanti si rivelerà più letale e insidiosa di prima.

Clive Hudson non è più l'uomo di un tempo. Dopo aver perso coloro che amava, ha deciso di allontanare tutto e tutti, scegliendo la morte come unica compagnia. Se per dispensarla agli infetti o per trovarla lui stesso, non fa più alcuna differenza per la sua anima tormentata da un doloroso passato. L'incontro con Sophie, però, smuoverà qualcosa nel profondo del suo essere.

Due anime simili, entrambe a un solo passo dalla condanna eterna o da un’insperata salvezza. Perché non tutto il buono del mondo è andato perduto. Forse, nonostante il dolore e la morte, si può ancora amare ed essere amati. Anche al tempo dell'invasione mutante.





Andando avanti con la mia vita, vivendo appieno ogni singolo giorno senza mai mollare o darmi per vinta, potevo onorare la memoria di coloro che erano morti e che non sarebbero mai, mai stati dimenticati. Io per prima non li avrei dimenticati.


Sophie ha perso tutto. È sola, arrabbiata e senza più alcuna speranza. I mutanti hanno distrutto tutto e annientato la sua intera famiglia. Dopo essere scampata all'ennesimo attacco di quelle orrende e feroci creature, Sophie riesce a trovare riparo in uno degli ultimi Centri di Soccorso e Raccolta ancora operativo. All'interno gli unici sopravvissuti, Clive e Joe, stanno mettendo a punto un sistema per uccidere quanti più mutanti possibili con un'unica e potente deflagrazione. 
I giorni passano al centro e tra Sophie e Clive sbocciano forti sentimenti contrastanti: rancore, odio, passione. La vita è costantemente appesa ad un filo ed entrambi sanno che qualunque momento potrebbe essere l'ultimo. 

I personaggi "sono pochi ma buoni". Sophie è una giovane ragazza col quale ho empatizzato molto. Il suo personaggio è forte e determinato ma nasconde il bisogno di amare ed essere amata. Clive è un uomo di oltre 30 anni, ex capo della squadra speciale RISE, che ha perso l'interesse per la vita e si comporta apparentemente in maniera fredda e insensibile. Ma la maschera che porta è solo un pretesto per tenere tutti lontano, sopratutto Soph. Infine c'è Joe, l'affabile cervellone che si dimostrerà essere un vero amico per entrambi.

L'amore è la componente principale di questa storia. Non sono solita amare le storie d'amore fine a se stesse ma questa è potente, sensuale, ben descritta e travolgente. Più procedevo nella lettura e più mi dimenticavo di star leggendo il romanzo di una mia collega blogger. Lo stile di scrittura di Rosa mi ha fin da subito coinvolta. Non ho dovuto leggere le solite 30 pagine di prova per abituarmici come spesso mi accade. La sua prosa è immediata, accurata ma estremamente comprensibile.

Il rapporto tra Clive e Sophie scoppia come una bomba ad orologeria nel giro di poco tempo. Non poteva succedere altrimenti. Chiusi in uno spazio ristretto, perennemente minacciati dalla morte, carichi di rabbia e di dolore, le loro passioni sono travolgenti. Quest'amore-odio l'ho trovato molto realistico e privo di forzature. Mi è piaciuto tanto.

La storia è raccontata dai due punti di vista di lei e lui. Entrambi le parti rispecchiano perfettamente i loro pensieri, sensazioni e paure. Questo mi ha fatto empatizzare molto con tutti e due. E d'altronde, l'intento dell'autrice è stato proprio quello di creare un avvicendamento più focalizzato sull'analisi introspettiva dei due personaggi principali e sui loro sentimenti, ma meno sull'azione e l'avventura. Scelta, in alcuni casi, discutibile visto che potrebbe diventare un noioso concentrato di frasi svenevoli e scene melense
In Die Love Rise non è successo; ho seguito la storia con molto interesse fino alla fine e non mi ha mai stufata. 

Il finale è l'unica parte sulla quale potrei avere qualcosa da ridire, ma è un'opinione soggettiva data dal mio personale modo di concepire la vicenda. Infatti, avendo letto una storia gravida di emozioni forti, avrei preferito un finale più struggente. 

Nonostante questo è impossibile non intravedere l'emergere di una brava e incontestabile autrice nel panorama editoriale italiano. Sono molto curiosa di leggere il suo prossimo libro!


Era successo che questa volta, era l’eroe che 
aveva bisogno di essere salvato.




8 commenti:

  1. wow nik una recensione che mi ha aperto letteralmente il mondo creato da questa autrice, complimenti! Mi segno subito autrice e titolo <3 <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello Ely! Sono proprio contenta di averti incuriosita!!

      Elimina
  2. Ciao Nik,
    io invece non amo questo genere di libri eppure il libro mi è piaciuto molto. Sono daccordo riguardo il finale e sono daccordo che Rosa scrive davvero bene

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il distopico è un genere particolare che piace oppure lo si odia. Ma anche se il genere non è di nostro gradimento dev'essere la bravura dell'autrice a colpire! E in questo caso con te ha colpito nel segno :)

      Elimina
  3. Grazie davvero di cuore, Nik, per questa bellissima recensione! *.* Hai usato delle parole meravigliose per descrivere il romanzo, e hai centrato il punto di tutto quello che avevo intenzione di comunicare con la mia storia. Grazie mille, davvero :3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Rosa! DLR è una gran bella storia e devo dirtelo di nuovo, sono rimasta molto e piacevolmente stupita! :)

      Elimina
  4. Ciao Nik!!
    Sono incuriosita da questo libro, anche perchè seguo l'autrice proprietaria di un blog ed è una vita che prometto di leggerlO!!
    ci sono troppi libri sulla mia lista! decisamente troppi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah ti capisco. è difficile leggere tutto quello che si vorrebbe, tra gli impegni e il resto, c'è poco tempo.
      Io ho fatto aspettare Rosa ben due mesi da quando me l'aveva proposto, ma non riuscivo proprio a trovare posto per questo romanzo nonostante l'avessi cominciato e mi fosse subito piaciuto!!!

      Elimina

Hai pensieri che ti ronzano in testa? Questo è il posto giusto per scriverli!!!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...