/* -->

venerdì 16 febbraio 2018

Le coppie librose | Romeo e Giulietta



Sento profumo di amore nell'aria, voi no? E non solo perchè è da poco passato San Valentino, ma perchè se, come me, state seguendo il favoloso progetto di Susy de I miei magici mondi, l'intero mese di febbraio sta passando all'insegna di tante dolci, romantiche e catastrofiche storie d'amore della letteratura, che è proprio un peccato perdersi visto che ciascuna blogger partecipante sembra ci stia mettendo anima e corpo nel presentarle. 


Bè oggi è il mio turno, e anche io mi sono divertita molto a conoscere, capire ed approfondire una coppia librosa conosciuta in tutto il mondo per la loro tragica storia, divenuta il simbolo per eccellenza della passione, del desiderio e dell'unione tra l'uomo e la donna. Parlo proprio di Romeo e Giulietta!



Trama


I Capuleti e i Montecchi sono due nobili famiglie di Verona, che da diverse generazioni si contendono i favori e gli onori della bella città veneta. Per questo motivo, tra gli esponenti delle due casate non corre buon sangue e non manca occasione in cui non scoppino liti verbali e fisiche, addirittura mortali, tanto tra i diretti discendenti quanto tra i servitori di entrambe le fazioni. Così si apre proprio il primo atto dell'opera, ma per evitare guai con la legge ai capi famiglia la baruffa si spegne in fretta.

Giulietta è una Capuleti. Ha poco meno di 14 anni, ma è già l'oggetto del desiderio di un giovane nobile, il conte Paride. Il padre della ragazza esita a dare in moglie la giovanissima figlia, ma alla fine dà il suo consenso e lo invita alla festa in maschera della sera successiva per dare inizio al corteggiamento.
Romeo, a 20 anni, è il rampollo di casa Montecchi ed è da tempo innamorato di una Capuleti, Rosalina, la quale non corrisponde il sentimento del ragazzo e si rintana dietro l'inflessibile voto di castità. Per sollevare il morale al giovane, i cugini decidono di portarlo al ballo in maschera dei Capuleti, partecipandovi di nascosto.
Qui, Romeo vede per la prima volta Giulietta e se innamora all'istante. Stessa cosa accade alla ragazza, poco dopo aver scambiato qualche parola col bel giovane e averlo baciato. 
Pur conoscendo le rispettive identità e i problemi che potrebbero derivarne, Romeo si intrattiene nel giardino dei Capuleti dopo la festa e dichiara il proprio amore a Giulietta, nella dolce e indimenticabile scena del balcone. Entrambi sono quindi travolti da un impetuoso e insopprimibile amore e decidono di sposarsi in segreto, con l'aiuto di frate Lorenzo, che spera di mettere finalmente pace tra le due famiglie.

Ad unione avvenuta, Romeo incontra per caso Tebaldo, un cugino di Giulietta che lo sfida a duello, non sapendo del matrimonio tra i due ragazzi. Romeo cerca di evitare lo scontro, ma si intromette il suo fidato Mercuzio, che viene colpito a morte. Accecato dalla rabbia, Romeo uccide Tebaldo. Chiamato a rispondere delle sue azioni davanti ai Capuleti, viene condannato all'esilio e costretto a lasciare Verona già dal giorno dopo. Tuttavia, grazie all'aiuto della balia e di frate Lorenzo, Giulietta e Romeo riescono ad incontrarsi un'ultima volta e a passare la loro prima notte d'amore.

Intanto, i Capuleti fissano nell'immediato la data del matrimonio tra il conte Paride e Giulietta, ma la ragazza prende tempo per andare a chiedere consiglio a Fra Lorenzo. Qui incontra proprio Paride, il quale le strappa un bacio prima di lasciarla sola per la confessione. Il frate, per aiutarla a sfuggire alle nozze e ricongiungersi con il suo innamorato, le affida un sonnifero preparato con alcune erbe, così da indurle una morte apparente per 42 ore e poi farla fuggire. Nel frattempo Romeo sarebbe stato avvisato del piano da un confratello di Lorenzo. 

Purtroppo, il ragazzo viene a sapere della morte di Giulietta da un suo servo, che per caso partecipa al "funerale" della giovane senza sapere che in realtà non è morta ma solo addormentata. Romeo, disperato, ritorna a Verona per dare l'ultimo saluto alla sua amata e suicidarsi sulla sua tomba. Ma una volta nella cripta incontra Paride, che riconoscendolo lo sfida a duello. Ucciso l'avversario, Romeo contempla la salma di Giulietta e ingerisce l'arsenico pronunciando la fatidica frase:


 «E così con un bacio io muoio»

Fra Lorenzo giunge tardi e Giulietta si sveglia poco dopo, comprendendo dai corpi inerti di Romeo e Paride l'atroce verità. Nonostante le suppliche del buon frate, di fuggire dalla cripta, la ragazza decide di raggiungere il suo sposo pugnalandosi a morte.

I Montecchi e i Capuleti accorrono, pertanto, dopo che l'ultimo alito di vita ha lasciato il corpo della giovane. Apprendendo l'amore e il matrimonio segreto dei due innamorati da fra Lorenzo, le due famiglie decidono di porre fine alla secolare diatriba che le divide e di rispettare la nuova unione familiare. Il padre di Giulietta, però, maledice l'odio che ha ucciso i due giovani e pronuncia le ultime immemorabili battute:


«Una triste pace porta con sé questa mattina: il sole, addolorato, non mostrerà il suo volto. Andiamo a parlare ancora di questi tristi eventi. Alcuni avranno il perdono, altri un castigo. Ché mai vi fu una storia così piena di dolore come questa di Giulietta e del suo Romeo».



La storia d'amore di Romeo e Giulietta: in origine

La storia d'amore di Romeo e Giulietta è una tragedia scritta dal noto poeta inglese, William Shakespeare, tra il 1594 e 1596. Il titolo corretto dell'opera è La tragedia eccellentissima e lamentevolissima di Romeo e Giulietta. Ahahah! Ma che aggettivi sono? 

Ma il burlone ha inventato la storia di sana pianta, ha inserito del vero storico o ha ripreso altri modelli letterari? Shakespeare ha fatto un po' di tutto questo! Infatti, i Montecchi e i Cappelletti (da cui derivano i Capuleti) sono state famiglie nobili medievali realmente esistite a Verona, già precedentemente citate da Dante in un Cantico dell'Inferno, facendo riferimento proprio ai loro antichi rancori. Tuttavia, non ci sono fonti che ricordano un amore tormentato tra i rampolli delle due famiglie o storie alla Romeo e Giulietta. E fin qui ok! 

Quindi se l'è inventata? Assolutamente no! Tutta la letteratura pullula di storie d'amore simili, sapete? Già nell'Antica Grecia, Senofonte Efesio raccontava di una giovane che per scappare a un matrimonio forzato bevve una pozione per far finta di morire e poi fuggire.
Nelle Metamorfosi di Ovidio, invece, troviamo una storia davvero simile a quella di Romeo e Giulietta ma interpretata da Piramo e Tisbe. Anche questi due, alla fine, ingannati da una finta morte, muoiono per non vivere l'uno senza l'altra.

Di altri esempi simili, in tempi meno antichi, ce ne sono davvero tanti. Mi sembra inutile ricordarli tutti, ma vi basti sapere che secondo gli studiosi della tragedia shakespeariana, la fonte principale del poeta inglese fu il poema di un certo Arthur Brooke, del 1562, quindi di una trentina d'anni prima dei nostri Romeo e Giulietta, dal titolo Tragicall Historye of Romeus and Juliet

Quindi Shakespeare ha copiato?? Di brutto, dico io!!! No dai, scherzi a parte! La storia dei due amanti è praticamente la stessa, ma quel che è diverso è la rielaborazione della vicenda, dei personaggi e del significato della tragedia da parte del nostro amato "Shaky". 
Nel primo poema, Romeo e Giulietta sono considerati dei ragazzacci, che vanno contro il volere dei genitori e della società e per questo finiscono per morire, e ben gli sta secondo gli altri! 
Shaky, invece, ha reso la storia più poetica e sublime, innalzando il concetto dell'amore ad un livello trascendentale, per cui alla fine il sacrificio dei due amanti viene riconosciuto dalle famiglie, e quindi dalla società, e cristallizzato per sempre come simbolo e archetipo supremo dell'amore, della genuinità e della purezza d'animo, a cui pochissimi potranno aspirare.

Nonostante Shakespeare fosse ancora agli albori della sua carriera, il suo poema fece il giro d'Europa in poco tempo, venendo apprezzato anche dallo stesso Brooke!


Innumerevoli adattamenti della tragedia

La mancanza del lieto fine, la drammaticità della vicenda e la cruenta conclusione di due giovani ragazzi fece sì che, nel giro di pochi anni dalla sua pubblicazione, l'opera di Romeo e Giulietta divenne un vero e proprio best seller!!! Quasi nell'immediato, quindi, partirono rappresentazioni in tutta Europa. Ad oggi non si contano più tutte le volte che questa tragedia è stata rappresentata nelle piazze, a teatro, in letteratura e al cinema.

Al cinema 

Tra gli adattamenti che certo tutti più o meno conosciamo c'è quello cinematografico con Leo Di Caprio e Claire Danes, Romeo + Giulietta, ambientato in un'ipotetica Verona americana degli anni '90, dove si ha una modernizzazione di tutta la vicenda, con pistola, auto e droghe.

Nel 1968 già Zeffirelli aveva portato al cinema la vera storia di Romeo e Giulietta così come era stata scritta da Shakespeare. Nel 1961, però, un conosciutissimo e pluripremiato (con 10 Oscar) riadattamento cinematografico moderno, costruito sulla forma del musical, fu quello di West Side Story, i cui protagonisti, Maria e Tony, fanno parte di due realtà sociali ben distinte della New York di anni '60. Lei, infatti, appartiene alla banda dei portoricani, mentre lui è un jets, ovvero un newyorchese anglosassone a capo della banda rivale. 

Ci sono poi altri riadattamenti, più o meno conosciuti, dell'opera shakespeariana, che riprendono tutto o solo in parte la storia. Tra questi non posso non citare uno dei cartoni Disney che mi ha rapito il cuore nell'infanzia, Il Re Leone II - Il regno di Simba, dove Chiara, la principessa, si innamora di un leone, Kovu, la cui famiglia osteggia il trono di Simba. Il lieto fine però qui è assicurato!

In Italia, poi, è stata prodotta pochi anni fa una mini-fiction di due episodi intitolata Romeo e Giulietta, interpretata da Alessandra Mastronardi e Martino Rivas. A questo link, dopo esservi registrati, potete trovare entrambe le puntate complete.

In letteratura

I libri ispirati a Romeo e Giulietta sono infiniti, sia per ragazzi che di narrativa. Tra questi mi hanno colpita di più:


  • Ehda'a Blackwell, Romeo e Giulietta a Baghdad. Quando l'amore sfida la guerra
  • Maurizio Giannini, Nickname romeo. Nickname giulietta
  • Romeo Amedeo, Rubino Maurizia, Il manoscritto nel pollaio. La molto lacrimevole storia di Giulietta e Romeo


In musica


Anche in questo caso, il tema di Romeo e Giulietta è stato più volte ripreso da cantanti e cantautori. Ho cercato e ricercato una canzone che potesse piacermi tanto da farvi ascoltare e alla fine l'ho trovata!!! Ovviamente è "eccellentissima e lamentevolissima" come la storia d'amore, ma spero vi piaccia! Ho scelto però una cover dell'originale scritta dal gruppo dei Radiohead. Il titolo è Exit music, presa dall'album Ok Computer del 1997 per inserirla nel film di Romeo + Giulietta. Vi assicuro che merita davvero di essere ascoltata.




Il mio pensiero su Romeo e Giulietta

Quando Susy mi ha chiesto con quale coppia librosa volevo partecipare al suo progetto ho subito pensato a Giulietta e Romeo. Non perchè abbia un rapporto particolare con questa storia d'amore, anzi ho cercato di leggerla diverse volte nell'adolescenza e anche dopo, pur non riuscendoci. La lettura completa è arrivata solo un paio di anni fa, in modo quasi forzato perchè io che dico di amare tanto i classici non posso certo lasciare indietro un autore come Shakespeare!

Eppure, la forma con la quale il poeta inglese allieta il mondo da diversi secoli, a me proprio non piace! Prima di tutto perchè non ho mai sopportato le tragedie poetiche, soprattutto quando dovevo studiarle. Inoltre, i termini aulici, le strofe fatte a modo loro e il discorso discontinuo a causa del cambio di personaggio, non è, per adesso, nelle mie corde. Infatti, nonostante molti anni fa mi sono fatta comprare da mia madre tutte le opere di Shakespeare, Romeo e Giulietta è l'unico componimento che ho finito di leggere! Se fosse stato un romanzo, l'avrei adorato ovviamente! 

Tuttavia, se penso all'amore penso a loro! Chi, oggi, si suiciderebbe se il proprio partner venisse a mancare? Sicuramente qualcuno c'è, non lo metto in dubbio, ma questo tipo di sentimento va oltre l'amore stesso. È carico di coraggio e di abnegazione di se stessi per un valore ritenuto superiore. Se la penso in questi termini, non possono non venirmi le farfalle nello stomaco! 




Ringrazio tantissimo Susy che ogni volta pensa a me per questi magnifici progetti, in cui noi blogger possiamo far conoscere i nostri gusti letterari e il nostro personalissimo pensiero. Spero di aver arricchito la vostra conoscenza di Romeo e Giulietta o almen di avervi allietato con questo post. 

Se vi siete persi l'appuntamento di ieri potete cliccare sul link per essere catapultati nella dolce storia d'amore di Hazel e Gus, di Colpa delle stelle, sul blog di Ely, Il regno dei libri. Domani, invece, non perdetevi la coppia librosa di Ophelie su My pages à la page.

Vi auguro un buon proseguimento di giornata e un romantico mese d'amore!



6 commenti:

  1. Ciao Nik, complimenti per il tuo bellissimo post, davvero ricco di dettagli molto interessanti e curiosi! Quella di Romeo e Giulietta è proprio "la coppia per eccellenza" e non poteva mancare nel progetto di Susy!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ariel, grazie mille! Sì hai ragione, che mese di San Valentino è senza Romeo e Giulietta?!
      Un abbraccio e grazie per essere passata:)

      Elimina
  2. Una bellissima tappa, Nik!
    Io ho provato più volte a leggere Romeo e Giulietta quando ero adolescente, ma non ci sono mai riuscita - dovrei riprovare adesso che sono adulta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ali! Stesso problema io! Tutti i libri che ho comprato di Shakespeare stanno lì solo per bellezza!!! Triste ma è così:)

      Elimina
  3. Che bel post Nik!
    Ricco, dettagliato e pieni di tante notizie che è solo un piacere leggere.
    Grazie mille per aver partecipato a questo progetto, è un piacere per me coinvolgerti ogni volta trovando sempre lo stesso entusiasmo.
    Hai scelto una coppia bellissima e come ha detto Ariel è la coppia per eccellenza

    RispondiElimina
  4. Questa storia d'amore è un classico ormai per tutti. Io non l'ho letta ma ho visto diversi adattamenti ed è sempre un'emozione forte per tutto quello che hai detto tu

    RispondiElimina

Hai pensieri che ti ronzano in testa? Questo è il posto giusto per scriverli!!!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...