/* -->

lunedì 16 luglio 2018

Review Party | Tre giorni d'inverno di Serena Vis



Buon lunedì carissimi lettori!
Anche se siamo in piena estate, qui a Torino c'è un bel fresco e quasi quasi minaccia la tempesta, che già abbiamo avuto nei giorni scorsi! Pertanto, la recensione di oggi nonostante richiami nel titolo l'inverno può sembrare che cada a pennello! Ho avuto il piacere di leggere Tre giorni d'inverno grazie al blogtour organizzato dalla casa editrice Literary Romance, che ringrazio per l'invio dell'ebook!


Uscita: 2 aprile 2018
Genere: Romance
Pagine: 236
Prezzo: E-book 2,99 euro
Cartaceo 12,90
Editore: Literary Romance


Trama

Giulia si è appena trasferita in un paese collinare in provincia di Piacenza, ha da poco ristrutturato una vecchia casa in stile Liberty e può egregiamente vivere del suo lavoro di scrittrice. Si è appena lasciata alla spalle una relazione instabile, fredda e vuota come una pagina bianca e l’unico desiderio che ha è quello di ricominciare da zero, ripartendo proprio da se stessa. Ma ha bisogni di mettersi alla prova. L’occasione le si presenta in un pomeriggio gelido. Lì, tra la boscaglia, incontra Chris, musicista di una nota band nazionale. A causa di un guasto alla macchina, e a un imbarazzante incidente di percorso, Giulia si sente in dovere di aiutarlo, però è venerdì pomeriggio, il crepuscolo incombe e il meccanico più vicino si trova a fondo valle. Giulia è consapevole della propria follia, ma spinta dall’istinto decide di ospitarlo. Che male potrebbe farle, in fondo? Lo conosce da quando aveva sedici anni… E poi Chris ha quella luce negli occhi, quella che sa di sconfitta, di lotta interiore, di aspettativa disillusa. Vuole aiutarlo. Trascorrono un’amichevole serata insieme e, poco prima che la notte scenda, Chris si ritrova a rubarle un bacio nella confortevole biblioteca della casa, mentre all’esterno infuria la bufera. Basteranno tre giorni per innamorarsi, per far luce su se stessi? E cosa nasconde il famoso cantate tanto da essere stato indotto a fuggire dalla band, ad aver lasciato incompleto l’ultimo album? Vivono intensamente l’amore che nasce, l’attrazione che divampa. Insieme stanno bene, si appagano, sono felici. Due anime che si sono ritrovate per consolarsi, per cicatrizzarsi le ferite a vicenda senza pretendere nulla in cambio perché niente è per sempre e lo sanno. Soprattutto quando dovranno dirsi addio.


Recensione

Quando ho visto la copertina e letto la trama mi sono innamorata subito del nuovo romanzo di Serena Vis. Impossibile non farlo! 
Tra le colline del piacentino, in un luogo quasi sperduto e incantato, troviamo Giulia, una famosa, seppur giovane, scrittrice, che ha deciso di rifugiarsi in questo bellissimo paesaggio per fuggire dalla vita frenetica e, soprattutto, da un periodo abbastanza problematico.

Ripartire da zero non è facile, ma l'inaspettato incontro con Chris cambia le cose in poco tempo. Nonostante non lo conosca, lo ospita a casa sua per tre giorni. Chris, cantante di successo bello e affascinante, sembra che conduca una vita apparentemente perfetta, ma la sensibilità di Giulia è talmente forte da riuscire a vedere sotto la sua maschera.
I sentimenti negativi erano cresciuti dentro lui, dapprima lentamente, come una malerba nascosta, e poi rigogliosamente fino a invadere tutto quanto. Rabbia.

Il tempo insieme passa in fretta grazie alla sorprendente affinità che li accomuna. I problemi, che pochi giorni prima li assediavano con forza, spariscono del tutto lasciando solo due anime tormentate con una speciale empatia a riprendersi poco per volta ciò che credevano aver perduto per sempre. 

I sentimenti descritti dall'autrice sono profondi e autentici. Mi sono immedesimata tantissimo nella protagonista femminile, vivendo appieno quello che viveva lei, riuscendo a sentire la sua sofferenza e poi la serenità, quando era in compagnia dell'uomo che desiderava.

L'ambientazione è un altro punto di forza di questo romanzo. Strano leggere una storia con neve e freddo in un periodo come questo, ma, anche in questo caso, la capacità descrittiva dell'autrice aiuta moltissimo. Se pensate che mi è capitato un paio di volte di sentire dei brividi di freddo, potete capire il grado di immediesimazione che sono riuscita a provare!!

Lo stile della Vis è quindi godibile dalla prima all'ultima pagina, grazie anche all'alternanza dei diversi POV. Il messaggio finale è poi carico di speranza nonostante non ci sia stato un classico epilogo. Eppure mi è piaciuto tanto lo stesso!
Leggendo Tre giorni d'inverno sarà possibile tuffarsi in una storia d'amore dolcissima, commevente ed emozionante, da cui è impossibile non farsi coinvolgere.



3 commenti:

  1. Una storia molto carina è vero, mi è dispiaciuto solo che non c'è stato epilogo

    RispondiElimina
  2. Ciao Nik, non conosco il romanzo, ma la storia sembra davvero carina :-)
    P.s. ti ho nominata qui http://langolodiariel.blogspot.com/2018/07/tag-le-mie-estati-del-passato.html

    RispondiElimina

Hai pensieri che ti ronzano in testa? Questo è il posto giusto per scriverli!!!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...